sabato 25 ottobre 2008

MEL BROOKS E IL SUCCESSO DI FRANKESTEIN JR



Perchè pensa che Frankestein Jr abbia ancora questo successo?

“Ci sono cose che accadono solo una volta nella vita e l’insieme del cast , della location , il castello dove era stato girato il “Frankestein originale”, e della sceneggiatura hanno fatto la magia. E anche Mel Brooks non è stato niente male .

Ma come è nato il film?

“Mentre lavoravo a Mezzogiorno e mezzo di fuoco , Gene Wilder mi ha presentato alcune pagine con il soggetto. A me mi è piaciuto subito ma la prima cosa che gli ho detto è stata Giriamolo in 

bianco e nero . Così è stato , però all’inizio la produzione non era per niente d’accordo. Mi diceva come possiamo vendere nel resto del mondo un film in bianco e nero? Ah, Ah, Ah oggi mi vien da ridere”

L’idea è che vi siate divertiti molto anche sul set?

“Assolutamente. Non potevamo pensare che le riprese finissero quando ridevamo. Io di solito non pranzo con gli attori e invece ogni giorno aspettavo quel momento”

Lei non ha partecipato come attore ma il suo segno l’ha lasciato nel film?

“Facevo i versi degli animali, Come l’ululato del lupo nella scena del castello”

Lupo ululà, castello ululì. Lei ha curato anche le versioni doppiate?

“Quella italiana è senza dubbio la migliore”

Si rende conto che ci sono ancora persone che usano delle frasi del film nei dialoghi quotidiani?

“Ogni tanto mi capita di sentire Rimetta a posto la candela quando qualcuno è un pò duro d’orecchio. L’altro giorno poi ho letto un titolo su un quotidiano dopo il crollo delle Borse era Alta Tensione , il titolo del mio film parodia dei film di Hitchcock.

Ma il grande Hitch sapeva che stava girando quel film?

“Ceratamente! ha letto anche il copione e gli è piaciuto moltissimo. Avevo offerto anche a John Wayne una parte in Mezzogiorno e mezzo di fuoco , ma lui mi ha detto – Mel , la parte è molto  bella , ma non so se fa per me , forse è un pò troppo sporca…


FONTE: METRO

Nessun commento: