venerdì 21 novembre 2008

INTERVISTA A VANESSA INCONTRADA


Dispiaciuta che dopo il parto sei tornata a lavorare presto?

“Per niente ne avevo bisogno”

Bisogno?

“Sento di tante donne che soffrono di depressione post-partum , e ho un paio di amiche , mamme da pochi mesi, che non stanno vivendo bei momenti . Il lavoro per me è stata la salvezza: impegnare subito la testa in un’altra cosa mi ha aiutato. Tanto più che a Zelig l’ambiente è bellissimo . Stimolante , ma senza una pressione angosciante”

Non soffre a lasciare il bambino’

“No, non soffro. Certo, penso sempre a lui. E mi chiedo spesso se sono una buona madre , visto che passo tutti i giorni fuori casa. Ogni volta che rientro la sera e lo trovo con la baby-sitter mi chiedo : si ricorderà di me? Mi riconoscerà?”

Non lo allatta , quindi?

“No. Il lavoro non me l’avrebbe permesso. Sarebbe diventato troppo faticoso , per me ma soprattutto per lui : ogni tre ore avrebbero dovuto portarmelo in teatro . Però ho voluto provare all’inizio , per fare esperienza”

E come è stata?

“Abbastanza dolorosa. Certo , è vero che allattare ti regala un rapporto esclusivo con il tuo bambino, e rinunciarci un po’ mi è dispiaciuto. Ma ci sono tante donne che non possono farlo , e i bambini crescono bene lo stesso”

La gravidanza come l’ha vissuta?

“Molto bene. A casa, a Barcellona. In quei momenti vuoi stare vicino alla tua famiglia . Me l’hanno un po’ rovinata i giornali che hanno pubblicato le mie foto , e soprattutto quei commenti sulla mia grassezza, fatti con un accanimento che mi ha stupito e ferito. Essere incinta è già un momento molto delicato per una donna : sentirsi accusata di essere brutta , eccessivamente sovrappeso , significa subire una grave mancanza di rispetto . Senza contare il messaggio culturale che passa : ci lamentiamo dell’anoressia che colpisce tante giovani e poi prendiamo in giro una che è ingrassata per fare un figlio? Una ragazza mi ha detto – Ma allora , se devo passare quello che è successo a te, io incinta non ci voglio rimanere”

Lei è un personaggio famoso , dovrebbe aver sviluppato una corazza nei confronti di certe cose?

“Invece non ero pronta , forse perché mi sono sentito sempre amata dalla gente e anche dai giornali. Se mi dicono che sono vestita male non mi offendo , peraltro è anche vero, sono una che indossa le prime cose che pesca nell’armadio la mattina e a cui piace stare comoda. Ma quando parli di una donna incinta ci vorrebbe più attenzione anche perché ci sono donne che hanno gravidanze difficili e l’aumento di peso può nascondere altri problemi. Non era il mio caso , ma mi sono sentita impotente di fronte a questa violenza. Capisco con la notorietà arrivi anche la curiosità del pubblico ma non credo di dover dare spiegazioni o scusarmi per quello che faccio nella mia vita privata , tantomeno se stiamo parlando di chili. La gente comune invece era solidale ; tante donne mi hanno fermato per strada per dirmi – Anch’io ho preso dei chili , non devi preoccuparti”

Di solito le donne che fanno il suo mestiere e che lavorano con la propria immagine , fanno attenzione a non prendere troppo peso in gravidanza. Lei non aveva questa preoccupazione?

“No. Ho sempre avuto un rapporto di spensieratezza con il mio fisico , sono una a cui piace proprio mangiare. Mi è già capitato in passato di ingrassare e non me ne sono mai fatta un problema. Una volta, prima che rimanessi incinta , Claudio (Bisio ndb) mi ha vista che mi facevano indossare la guaina contenitiva prima di andare in scena ; in diretta mi ha chiesto che cosa aveva sotto il vestito. Ho risposto : la guaina. Le ragazze in sala hanno applaudito. Figuriamoci se ho pensato di fare la dieta in gravidanza. Volevo godermela, stare serena e ho mangiato tutto quello che mi andava. Certo, se domani avessi un altro figlio starei più attenta perché adesso so che , dopo , è molto faticoso perdere chili”

Eppure a fine settembre , per il debutto di Zelig, aveva già recuperato una buona forma . Come ci è riuscita?

“Anche lì , ho letto sui giornali che avevo perso 17 chili in un mese. Vorrei sapere come escono fuori questi numeri , nemmeno io so quanti chili ho messo su e quanti ne ho persi. Comunque non ho fatto trattamenti miracolosi ; mi segue un dietologo che mi ha tolto formaggi , dolci , salumi, pane , olio , tutto praticamente. Quando vado al ristorante soffro come un cane mentre tutti mangiano prelibatezze e io il solito filetto con la rucola . Che palle. “

Attività fisica.

“Mi alleno con Mirella Rossi , la nostra coreografa di Zelig; facciamo aerobica e corpo libero ma, anche lì , senza ammazzarmi di fatica e non tutti i giorni. Se ho qualche ora libera preferisco stare con il mio bambino. Certo , quando mi sono rivista nel film Aspettando il sole ( appena uscito ndb), anche se sono completamente trasformata – sono una pornostar con lok anni Ottanta , truccatissima , con parrucca e unghie laccate – mi chiedo spesso se tornerò magra e bella come prima. Ma poi mi basta guardare in faccia il mio bambino perché non me ne freghi più niente, l’unica persona a cui mi interessa piacere è lui”

Non al suo compagno?

“Se hai un compagno che ti ama credo che i sentimenti vadano al di là della grassezza”

Rossano Laurini, il suo compagno, era sposato con la sorella del suo ex fidanzato Andrea Palmieri. Il vostro amore è nato poco più di un anno fa in un contesto difficile, non scevro di pettegolezzi.

“Non vorrei parlare di come è nata questa storia per rispetto verso altre persone coinvolte. Ripeto che non devo e neanche voglio giustificarmi di come mi comporto nella mia vita e mi piacerebbe che il pubblico mi amasse anche per questo. Posso solo dire che vivere questo amore è stato difficile e senza dubbio leggere certe cose sulla mia vita privata non dette da me mi ha fatto molto male : i panni sporchi si dovrebbero lavare a casa . E’ vero , c’è stato molto dolore . far del male alle persone ti ferisce , te lo porti dentro a vita”

Con quest’uomo però ha fatto un figlio , dimostrando che non era un flirt.

“Sicuramente il nostro è un sentimento vero”

Pensate al matrimonio?

“No, non ci ho mai pensato. Non la reputo una cosa importante, io e mia sorella non siamo state neanche battezzate. Quattro anni fa , però, ho deciso di prendere questo sacramento perché mi sono sentita vicino al cattolicesimo ; l’ho fatto soprattutto per entrare in una comunità , mi fa sentire protetta”

Il suo compagno è di Follonica , dove recentemente vi siete comprati una grande casa in collina. Perché è tanto legata a quella zona?

“E’ il posto in Italia dove mi sento a casa. Mio padre , italiano, artigiano che lavora la pelle , decise di trasferirsi lì pochi anni dopo la mia nascita a Barcellona. A Follonica ho fatto le elementari e ancora oggi gli amici più stretti sono di lì. Ho continuato ad andarci anche quando ci siamo trasferiti di nuovo , è il mio punto di riferimento”

Un bambino lo desiderava da tanto?

“Da sempre anche se non era un’ossessione. Ho sempre pensato che sarebbe arrivato con la persona giusta. Sono una donna che vive molto alla giornata , non faccio progetti , anche perché nella mia vita le cose sono senza successo senza che le cercassi. Volevo studiare psicologia e mi sono trovata a fare la modella per gioco, dopo aver vinto un concorso ; ho iniziato a lavorare in Tv grazie ad un produttore che mi vide e mi propose Super, il mio primo programma. Anche al cinema sono entrata per caso : quando Pupi Avati mi ha chiamato pensavo mi cercasse per uno spot pubblicitario , invece mi propose Il cuore altrove che mi ha regalato , al Festival di Cannes , uno dei momenti più belli della mia vita”

Con una carriera all’apice a meno di trent’anni , oggi di solito le donne rimandano la maternità.

“No, io questi ragionamenti non li ho mai fatti. Solo dopo aver saputo che ero incinta mi sono organizzata la vita lavorativa ; se mi avessero cancellato gli impegni che avevo già preso perché incinta , sarei stata sorpresa, avrei pensato che qualcosa nel mondo non funziona”

La maternità come l’ha cambiata?

“Mi ha dato tranquillità e ha cambiato le mie priorità : ora prima di pensare a me penso al bambino. Ma io resto quella di prima , la gravidanza è un’esperienza bellissima e importante per una donna, ma non potrei vivere senza il lavoro. Ho la fortuna di potermi mettere una tata fissa e quindi la mia vita non è stata stravolta a 360 gradi , come capita a molte donne”

I prossimi impegni professionali?

“Farò a breve un altro film in Spagna e poi , nel 2009 , condurrò da sola , su Italia 1, un talk show satirico. Il format è spagnolo , è quello di Noche Hache una sorta di David Letterman show dove ci saranno ospiti e inviati. Per me si tratta di una bella prova”

Il suo compagno che cosa dice del fatto che lavora così tanto?

“Mi appoggia al trecento per cento. Fa l’imprenditore , quindi viaggia abbastanza anche lui, ma quando c’è rimango sempre scioccata perché è un bravissimo papà”

Lui ha dieci anni più di lei e già una figlia di 12 anni. L’aiuta col bambino?

“L’esperienza conta; in alcuni momenti con Isal è stato più utile lui di me”

Come ha scelto il nome di suo figlio?

“Nessuna ragione particolare , mi piaceva: è corto e si pronuncia uguale sia in italiano che in spagnolo. Fino al parto , che è stato naturale, non sapevo se fosse maschio o femmina , ho voluto la sorpresa . Lo chiamo il mio Piccolo Principe. Il problema è che , oltre a mia madre e mia sorella, tutto il mio entourage è composto da femmine e lui è l’unico maschio. Mi viene sempre in mente il film What Women Want quando Mel Gibson racconta che è cresciuto circondato da donne , spogliarelliste tipo sua madre. Chissà come diventerà..”

Suo padre , quindi, continua a non frequentarlo molto?

“Lui è spesso in giro per fiere, ma dal bambino è molto coinvolto . Ormai tutti mi chiedono per prima cosa come sta Isal , io sono passata in secondo piano , neanche mi guardano quando entra  in casa e vanno dritti da lui”

Anche il suo compagno

“No , lui invece quando entra a casa prima saluta me e subito dopo il bambino”

Nessun commento: