venerdì 12 dicembre 2008

Brian Hardgroove , dei Public Enemy, Obama cambierà il mondo



So che hai partecipato alla campagna elettorale di Obama in New Mexico?

“si , ho fatto la mia parte organizzando alcuni eventi e parlandone nel mio show radiofonico. Sono davvero felice di aver potuto fare qualcosa di più per dare semplicemente il mio voto. Questo era uno stato repubblicano e ha votato per Obama”

Ricordi un momento particolare della campagna?

“in un locale di Santa Fe , c’era una band raggae che suonava la musica di Bob Marley. Durante una pausa del concerto ho intervistato il cantante e abbiamo parlato del fatto che molti amano Bob Marley senza spiegarne il motivo . E la stessa cosa succede con Obama . Io invece penso di saperlo”

Quale sarebbe?

“Sia Obama che Bob Marley hanno una storia simile . Il padre di Obama era un nero , e se n’è andato quando lui era piccolo . Sua madre invece era bianca , ed è rimasta con lui. Il padre di Bob Marley era bianco , e se n’è andato , mentre sua madre era nera ed è rimasta con lui. Questo background comune ha consentito loro di avere una prospettiva unica , e di essere critici tanto verso i neri quanto verso i bianchi. Inoltre , entrambi hanno un impatto sulla gente a livello planetario . In quel momento ho capito che Obama poteva vincere”

Vieni dal cosiddetto ghetto , dove per la prima volta quest’anno la gente è andata a votare. Questa elezione cambierà il modo di vivere e agire dei neri nella società americana?

“Tempo fa un giornalista cinese, parlando del film American Gangster , mi ha fatto domande su questa cultura criminalizzata dei neri americani che vediamo spesso al cinema. Io gli ho risposto che quella non è la cultura dei neri d’America , quella è la cultura dei criminali punto e basta. Ciò che voi, in Italia, percepite del modo di agire dei neri americani è limitato a ciò che vedete in Tv , nei video musicali o al cinema. Ma questa non è la cultura dei neri americani , questo è il concetto di cultura nera che viene venduto nel mondo”

Perché il voto ad Obama è così importante?

“La cosa buona di Obama è che sta dimostrando al mondo , e all’America stessa , che questa non è la cultura nera. E sono felice del fatto che la mia bambina di 7 anni potrà crescere senza pensare “Wow un uomo di colore alla Casa Bianca , non accadrà mai”. Anzi, per lei il fatto che un nero sia presidente non sarà nulla di speciale ed è fantastico”

C’è chi parla di Obama come dell’uomo che ha realizzato i sogni di Martin Luther King . Che ne pensi?

“Penso che chi dice questo tenda a generalizzare un po’ troppo. Obama è diventato presidente in un momento in cui la giustizia in America non è ancora garantita per tutti , dunque è l’uomo giusto per mettere in moto il treno . Perché Martin  Luther King parlava di questo , di giustizia per tutti , non solo per i neri. Dobbiamo avere speranza , perché Obama è un nero che sa cosa voglia dire essere trattati da neri in questo Paese. Ma al tempo stesso , lui non odia i bianchi , sa che questo Paese ha grosse possibilità E’ illogico pensare che tutto possa cambiare nell’arco di una notte , ma Obama ha dimostrato che il cambiamento è possibile”

Pensi che anche nella vecchia politica italiana possa esserci un cambiamento ?

“Non so se l’Italia sia pronta o no a un simile cambiamento , ma di sicuro è molto più preparata della Cina , che pure sta già cambiando. L’America è un paese molto più giovane dell’Italia , ma ha realizzato un cambiamento che nessuno si aspettava. Perciò , qualunque sia la situazione in Italia , voi adesso sapete che in America le cose sono cambiate perché la gente ha alzato la sua voce”

Tra 30 anni quali album dei Public Enemy verranno ricordati?
”Penso che ce ne siano due in particolare. Uno è “It takes a Nation of Millions to Hold Us Back” , che sarà ricordato perciò che ha fatto per la musica rap. L’altro è Apocalipse 91, perché con questo album il nostro messaggio è divenuto ancora più intenso e diffuso. Questi due album hanno avuto un impatto davvero forte sui neri americani”

Obama cambierà la musica americana e in particolare quella dei Public Enemy?

“L’elezione di Obama ha portato un grande senso di orgoglio tra gli artisti neri , e penso che questo influenzerà tutta la musica americana. Per quanto riguarda la musica dei Public Enemy , solo il tempo potrà dircelo. I PE parlano da una prospettiva americana , ma il nostro messaggio è ancora vero per molte persone del mondo. Quindi sentiamo di avere una responsabilità , ma lo ripeto, Obama ha mostrato che tutti noi abbiamo una responsabilità nella politica del nostro Paese. E questo vale anche per voi italiani , perché il governo italiano siete voi”

Nessun commento: