martedì 3 febbraio 2009

INTERVISTA A MAIA MAIONCHI DI X FACTOR



Mara Maionchi a 67 anni diventa un personaggio Tv. Insieme a Morgan e Simona Ventura è giudice di X-Factor.

Come è iniziata la sua carriera?

“Sono nata a Bologna tanti anni fa . E ai miei tempi , o lavoravi o studiavi. Dopo le superiori , a 18 anni, visto che non ero proprio un fulmine di guerra negli studi , ho deciso di andare a lavorare : impiegata in un’azienda internazionale di trasporti. Stavo a Bologna , ma sognavo Milano. Un giorno leggo un’inserzione sul Corriere della Sera . Cercavano qualcuno alla casa discografica Ariston , per lavorare all’ufficio stampa. Così sono venuta a Milano e ho fatto il primo colloquio con Alfredo Rossi, che mi ha presa”

Ma non dura molto?

“Due anni dopo Mogol e  Battisti fondano una loro etichetta , la Numero Uno , e mi portano con loro . Lì ho lavorato con grandi artisti , da Lucio e alla Pfm. Dalla promozione dei dischi sono passata , pian piano, alla produzione. Cioè a fare quello che mi piace: lavorare coi ragazzi , scoprire talenti e aiutarli a venire fuori”

E poi?

“Nel ‘92 mi sono messa in proprio con mio marito . Abbiamo lanciato giovani cantanti , alcuni hanno avuto anche un seguito. Ma il vero colpo  è stato nel 1998 quando ho sentito Tiziano Ferro e abbiamo iniziato a lavorare con lui . In quegli anni ho conosciuto anche il mio attuale compagno di giuria : Morgan con il  suo gruppo , i Bluvertigo, ma la collaborazione non è durata molto. Non eravamo d’accordo con le canzoni che lui faceva . Pensavo fosse in grado di dare in più. Lui non capisce una cosa. I Pink Floyd sono dei grandi musicisti e sono stati il più grande successo commerciale di sempre. O prendi i Beatles . O Mozart per paradosso : un grande musicista con anche la capacità di comunicarlo”

Tanto d’accordo , con Morgan, non andate neanche oggi?

“Litigo con Morgan quando lui mi dice che la musica d’avanguardia non è mai premiata dalle vendite. Su questo punto ci scanniamo. Si può fare ricerca musicale , essere una novità e avere pure un successo commerciale , che non è un crimine. Guarda i Depeche Mode quanto hanno venduto. O lo stesso Battisti. Lui fu una novità assoluta  per l’Italia , dove si cantava ancora partendo dalla lirica. Battisti rivoluzionò la canzone italiana contaminandola con tendenze più moderne , che venivano dall’estero. Eppure di dischi ne ha venduti. Quando le novità sono importanti si impongono con successo. E penso anche a David Bowie e i Beatles”

E con la Ventura va più d’accordo?

“Ma sì, ma in realtà andiamo tutti e tre piuttosto d’accordo. Mi sono arrabbiata con la Ventura perché non concordo con lei quando dice che i gruppi vocali , che sono la categoria di quest’anno a X Factor , non hanno collocazione commerciale . Vedi i Supertramp. O i Take That”

E’ vero che ha picchiato Pappalardo?

“A volte gli artisti ti fanno perdere la testa , ci vuole tanta pazienza. E a volte mi dovevo imporre. Pappalardo era un bravo ragazzo ma anche molto esuberante. Anche io a dire al vero lo ero. Non come adesso, che sono diventata una vecchia signora. Era forse il ‘71, sì devo avergli tirato uno scappellotto. Un’altra con il suo caratterino è la Nannini , ma è anche una persona generosa e straordinaria”

Quanto costa per una popstar l’aspetto fisico?

“Conta la presenza fisica che non è un fatto di bello e brutto ma di presenza sul palcoscenico , di carisma. Ci sono persone che istintivamente si fanno notare , hanno qualcosa di speciale che affascina la gente. Battiato non è certo bello . Eppure ci sono momenti nel palco che è bellissimo. Quella che conta è la personalità. Vedi Madonna. Anche lei è una che ha una componente fisica molto importante e non è certo bella. Ma è una che a 50 anni si fa seguire dalle ragazzine , detta moda. E a farsi dalle ragazzine , caspita, è dura. La personalità è tutto. Il mondo, di 16enni belle, è pieno.

Lei sta diventando un personaggio tv molto amato. Stupita?

“Mah , a quasi 68 anni ho qualche dubbio di avere un futuro in tv. L’altro giorno su Facebook hanno fatto pure un gruppo : mandiamo a casa la Maionchi. Io sono disponibile a andare a casa , ma solo se ci riescono loro a fare qualcosa. Intanto l’ultimo grande artista italiano ( Tiziano Ferro ndb) l’abbiamo fatto io e mio marito, che non siamo certo due creature”

Secondo il critico tv Aldo Grasso lei è un mix tra Iva Zanicchi e Vanna Marchi.

“Va bene la Zanicchi , ma essere paragonata alla Marchi, sul piano della moralità, mi fa girare i coglioni. Poi, sul fatto estetico può anche aver ragione”

Lei ha un matrimonio perfetto , che dura da 32 anni.

“Siamo stati fortunati, le relazioni sono difficili. Ma e mio marito abbiamo alle stesse idee. Condividiamo amici e lavoro. Poi abbiamo due figlie , la maggiore lavora con me , la più piccola mi fa gli orecchini che metto in tv. Altro che pubblicità occulta , l’ho già detto anche a Striscia la notizia : speriamo che riesca a commercializzarli , così me la levo un po’ dalle croste”

Nessun commento: