martedì 28 aprile 2009

INTERVISTA A SAVERIA RICCI , FONDATRICE DELLA RETE LENFORD, PER I DIRITTI DELLE PERSONE OMOSESSUALI E TRANS


Saveria Ricci , avvocata e fondatrice della Rete Lenford per i diritti delle persone omosessuali e trans . Grazie alla sua battaglia il Tribunale di Venezia ha aperto alle nozze gay.


Cosa è successo a Venezia : le nozze omosessuali non sono più vietate?


“Guardi , nel nostro ordinamento non c’è nessuna legge che proibisce il matrimonio tra persone dello stesso sesso”


Come, no?


“Non è previsto ma non è neanche vietato : di sicuro non c’è nessun divieto scritto nella Costituzione”


Però si continuano a impedire i matrimoni gay?


“Le rispondo con quanto ha scritto la Corte Costituzionale del Sudafrica quando ha introdotto le nozze gay “Il fatto che un pregiudizio duri da tanto, non ne giustifica la sopravvivenza”


Voi cercate dei mettervi fine: come?


“Facendo decidere alla magistratura , a cui, in democrazia , spetta il compito di interpretare le leggi”


Di fatto , quindi , la Rete Lenford aiuta tute le coppie gay che vogliono sposarsi..


“Magari! Non basterebbero tutti gli avvocati d’Italia. Ne assistiamo solo alcune, che hanno chiesto le pubblicazioni di matrimonio e se la sono vista rifiutare”


Cioè l’affissione all’albo del comune?


“Sì, sono una delle condizioni per potersi sposare. Servono per esempio a prevenire la bigamia. Si pubblica la richiesta di una coppia di andare a nozze , perché così un eventuale coniuge può vederla e dire “Quella è già mio marito, non si può sposare”.


E voi l’avete richiesta anche per delle coppie omosessuali..


“Sì: a Venezia, Torino, Roma, Pavia e Milano, Firenze… Per fortuna non è morto o svenuto nessun ufficiale di stato civile! Si sono limitati a negare le pubblicazioni. E noi abbiamo fatto ricorso. Il tribunale veneto, per la prima volta, l’ha accettato. Grazie all’avvocato Francesco Bilotta”


Perché?


“Il suo ricorso è uno degli atti giuridici più belli che abbia mai visto: una perla. Costringe alla riflessione anche l’interlocutore più indifferente”


Su cosa?


“Sul fatto che abbiamo una Costituzione in cui si stabilisce l’uguaglianza tra tutti i cittadini. E sul fatto che l’affettività è un diritto fondamentale che fa parte del diritto della salute : puoi avere un corpo sano , ma se non puoi vivere come gli altri i tuoi sentimenti e la tua sessualità , non stai bene”


Con queste argomentazioni , avete chiesto al Tribunale di Venezia di fare concedere le pubblicazioni a una coppia di uomini..


“Sulla base di questo e del fatto che, come le dicevo prima , la Costituzione non vieta le nozze gay”


I giudici cosa hanno fatto?


“Hanno analizzato la questione dal punto di vista tecnico e si sono chiesti se ci fossero dei diritti ancora non riconosciuti. E hanno riscontrato “nuovi bisogni legati anche all’evoluzione della cultura e della civiltà , che chiedono tutela”


Questo, in parole povere, cosa significa?


“Che hanno rinviato la decisione e chiesto un parere alla Corte Costituzionale”


Cioè al tribunale supremo a livello nazionale: perché?


“La corte costituzionale , che è composta dai migliori giuristi del paese , è chiamata a stabilire se una legge rispetta la Costituzione . Oppure se la sua interpretazione corrente non è precisamente rispettosa della Carta. E’ l’organo che detiene le chiavi della democrazia”


Cosa può fare?


“Può dire che una legge è incostituzionale. O va rivista la sua applicazione . E quindi può dare dei suggerimenti al legislatore . Prima che si pronunci, però, ci vorrà tempo : almeno un anno”


Lei cosa spera?


“Che continui ad indirizzare il Paese verso una democrazia più completa , garantendo i diritti di tutti. Coma ha fatto finora”


Ma è così importante che la società riconosca le unioni gay?


“Lo psichiatra Vittorio Lingiardi ha spiegato che non riconoscere ai gay il diritto di essere una coppia legale danneggia la loro salute e rinforza i pregiudizi omofobi”


Quindi la risposta è sì..


“C’è una minoranza di persone che ha dentro un tale impulso alla libertà , da riuscire a vivere senza il riconoscimento sociale che ti dà la legge. Ma per la maggior parte della gente non è così. E poi non c’è motivo per questa limitazione : come hanno scritto anche i giudici di Venezia , il riconoscimento delle nozze gay non minaccia “né interessi pubblici né privati”


La Rete Lenford difende i diritti delle persone gay , lesbiche e trans. Ce ne sono altri non riconosciuti, oltre al matrimonio?


“Pensi all’eredità : si dice che anche ora si possa lasciare tutto al partner gay..”


Non è vero?


“E’ possibile solo se non ci sono eredi legittimi, cioè genitori o figli. In più , se la mia compagna eredita da me, perde quasi metà del valore in tasse , perché per legge è un’estranea. A mia moglie non succederebbe. E non posso lasciare alla mia partner neppure la pensione di reversibilità. Ma pago i contributi come tutti: nella dichiarazione dei redditi non c’è la casella per l’esenzione con scritto: gay”


Lei , se potesse, si sposerebbe?


“Per lavoro faccio l’avvocato matrimonialista e ne vedo di tutti i colori. Per cui non lo so. Però preferirei essere io a decidere: non voglio che mi sia impedito”

Nessun commento: