martedì 12 maggio 2009

INTERVISTA A LANFRANCO TENAGLIA, RESPONSABILE GIUSTIZIA DEL PD


Lanfranco Tenaglia è Responsabile giustizia per il PD.
Franceschini parla di leggi razziali in alcuni norme del testo sicurezza. I Democratici accusano l'esecutivo di cavalcare e strumentalizzare le paure dei cittadini mettendo a punto provvedimenti che alla lunga risulteranno controproducenti.
Il tutto mentre le forze di polizia protestano per i tagli a uomini e mezzi.
Il PD ha parlato di leggi razziali e di ferita grave alla Costituzione
“La fiducia viene posta su un testo che contiene questioni delicatissime come il reato di immaginazione clandestina. In questo modo viene svilita la funzione del Parlamento che aveva già votata sia alla Camera che al Senato contro norme che vengono inserite nell'emendamento oggetto di fiducia. Berlusconi sta di fatto organizzando una riforma istituzionale che impedisce ai suoi deputati non solo di contare qualcosa , ma anche di esprimere liberamente il mandato ricevuto dagli elettori”
La maggioranza si giustifica dicendo che la decisione di porre la fiducia è coerente con la priorità del governo
“La decisione di porre la fiducia è un atto di debolezza. A parole il governo sostiene di essere decisionista , ma in realtà non è sicuro della propria maggioranza e non ha il coraggio di affrontare il voto segreto in Aula”
Il Cdm ha autorizzato la fiducia anche sul ddl intercettazioni
“E' un altro fatto gravissimo , perché è una normativa che incide sul codice di procedura penale e su aspetti importanti della libertà di espressione e di cronaca. Sono materie molto delicate che mai in passato erano state affrontate con la richiesta di un voto di fiducia : è un atteggiamento del regime Centro-asiatico”
Le norme sui medici e i presidi spia sono state cancellate . Quanto ha pesato il ruolo di Fini?
“Queste due norme sono state oggetto di una durissima opposizione parlamentare del PD che alla fine ha dato i suoi frutti , perché ha aperto una breccia tra i deputati della maggioranza , seguita poi dalla presa di posizione di Fini. Ma sia chiaro che queste correzioni non bastano , per noi il ddl sicurezza resta inaccettabile”
Resta anche il reato di immigrazione clandestina , sia pur punito solo con un ammenda.
“E' una misura che non risolve il problema della sicurezza dei cittadini e non capisce la criminalità organizzata che sfrutta l'immigrazione clandestina. Una democrazia avveduta punta ad integrare e a non respingere : solo applicando politiche di rispetto della legalità è possibile distinguere tra gli immigrati che vengono in Italia per lavorare e quelli dediti solo al crimine. La politica del governo sarà un boomerang : diminuirà l'integrazione e aumenterà il senso di insicurezza”
Rischiamo di diventare un Paese xenofobo?
“Il rischio è concreto e si supera solo in un modo : diffondendo una cultura che viva l'immigrazione e l'integrazione come occasioni per rendere il nostro Paese più vivo e moderno”
La Lega sembra sempre più influente nelle scelte del governo...
“Ormai la Lega detta l'agenda del governo e cavalca le paure dei cittadini. Ma ciò che ci preoccupa davvero è la mancanza di una vera politica che dia in primo luogo maggiori risorse alle forze di polizia per garantire la sicurezza degli italiani. Il governo Berlusconi si muove nella direzione opposta tagliando uomini , mezzi e risorse alle forze dell'ordine”
Se un emendamento del decreto sicurezza per la ratifica del trattato di Prum il governo è andato sotto.
“Anche su questo punto il governo ha voluto dare ascolto alle ripetute sollecitazioni del PD che chiedeva di migliorare il testo, ed è stato sconfitto in Aula. Con questo voto abbiamo tentato di impedire che soggetti non indagati venissero obbligati al prelievo coattivo del Dna”

Nessun commento: