giovedì 14 maggio 2009

INTERVISTA A LUCIANO DUSSIN , LEGA NORD


Luciano Dussin , Lega Nord
La vigilia del vertice sulla sicurezza è stata dominata dalle tensioni . E' soddisfatto dell'esito?
“Assolutamente sì. Abbiamo trovato l'accordo su due questioni che recentemente erano state sollevate : la norma anti-racket e quella dei cosiddetti presidi-spia . Escludere dagli appalti pubblici le imprese che non denunciano il pizzo è una misura sacrosanta , ma solo dove lo Stato garantisce al cento per cento il suo intervento. Così ora ci riserviamo di valutare se l'impresa in questione abbia ricevuto pesanti pressioni e minacce. Per quanto riguarda la necessità di esibire il permesso di soggiorno per l'accesso ai pubblici servizi , avevamo già escluso le prestazioni sanitarie e ora , dopo la segnalazione di Fini, anche la scuola dell'obbligo”
Cosa vi ha convinto a eliminare la norma sui presidi-spia?
“Noi volevamo essere rigorosi nel rispetto delle regole : chi è clandestino commette un reato, sia pur di tipo amministrativo. E' andata così , abbiamo preferito mediare e non fare barricate. Il motivo del contendere però è più generale : il rispetto delle regole serve a dare risposte in primo luogo agli immigrati che cercano di entrare in Italia in maniera regolare. Se si accorgono che ai clandestini viene concesso di tutto , perché dovrebbero mettersi in fila ? E non scordiamo che le direttive dell'Ue sono molto più severe di quelle che stiamo introducendo”
Si riferisce al tempo di permanenza degli immigrati nei Cie?
“Esattamente. La direttiva Ue prevede 18 mesi , la Bossi- Fini due. In Senato abbiamo provato a portare la permanenza a 18 mesi e siamo andati sotto, alla Camera abbiamo tentato con 6 e anche lì ci è andata male. Ora abbiamo reintrodotto i 6 mesi , sempre un terzo di quello che dice Bruxelles. Basti pensare che in Germania sono trattenuti 18 mesi e in Svezia , Danimarca e Inghilterra a tempo indeterminato. Allora mi domando : l'Italia è razzista o xenofoba?
Anche sulle ronde si è sollevato un polverone?
“E' del tutto ingiustificato. Le ronde ci sono in mezzo mondo , molti sindaci del PD le hanno adottate e persino Penati ( presidente della Provincia Milano ndb) aveva stanziato 250 mila euro per i comuni che avessero attivato questo servizio. Si tratta di associazioni di cittadini volontari e i sindaci possono accettare o meno le loro proposte di collaborazione. Saranno costituite soprattutto da ex poliziotti in congedo , che faranno dei corsi di preparazione e saranno iscritti a un albo. Mi chiedo cosa ci sia di strano o sconveniente”
Le proteste sui tagli alle forze dell'ordine però non si placano?
“Il governo non ha tagliato le risorse al comparto sicurezza: nel bilancio 2008 c'erano 24,9 miliardi , che ora sono saliti a 27,2. E per le auto delle forze dell'ordine abbiamo messo a bilancio 60,6 milioni in più del governo Prodi”
Sembra ci sia l'accordo su tutto. Perché allora il ricorso al voto di fiducia?
“L'accordo c'è ma esiste un problema di fondo. Sono previsti quasi 300 emendamenti con centinaia di voti segreti : sarebbe un lavoro molto lungo e impegnativo”
Questione referendum. La Lega è più sorpresa dal voto favorevole del premier o da quello del Pd?
“”L'accordo tra Berlusconi e il PD aveva un senso quando i due partiti erano vicini in termini di consenso elettorale, ma ora il PDL ha 15 punti di vantaggio. Questo referendum non c'entra nulla con la questione delle preferenze ma si limita a regalare il 55% dei seggi a chi ottiene più voti”
Ma eliminerebbe il porcellum..
“Guardi che la legge elettorale di Calderoli ha funzionato, portando il numero dei gruppi parlamentari da 16 a 5. Ora mi sembra che sia garantita la pluralità , il referendum invece produrrà un sistema a due nel quale chi perde non conterà niente”

Nessun commento: