lunedì 11 maggio 2009

INTERVISTA A SERENA DANDINI


Perché tutti dicono che la satira in televisione non va?
“E perché tutti oggi vestono di viola? Moda, passa parola , chiacchiere. Sono riusciti a scrivere che quest'anno Zelig è andato male, e invece ha avuto ascolti da urlo. A noi hanno chiesto di farcire il programma con molti più spot: si tratta di solo spirito umanitario?”
“Abbiamo fatto meno dell'8%. Certo , meno di Rai Uno, ma il doppio di quanto faceva la rete prima di mandarci in onda. Siamo molto soddisfatti , non pensavamo di arrivare al cuore delle gente in così poco tempo”
Traduco : qualcuno manipola l'auditel per danneggiarvi
“Traduzione imprecisa. L'auditel è una convenzione, e io l'accetto. Nessuno la manipola, ma i dati possono essere letti come si vuole. Se si fanno confronti tra fasce orarie diverse si può dimostrare tutto e il contrario di tutto”
Aldo Grasso sul Corriere è stato spietato
“Grasso è un portafortuna per noi. Non c'è mai stato un nostro programma che lui non abbia stroncato e, pure, hanno avuto grande successo. Insomma, niente rancore con il nostro cornetto portafortuna. Grasso è un po' il nostro nano con la gobba”
D'accordo , ma ancora non mi ha detto perché tutti si accaniscono.
“Non sarei proprio dirglielo. Forse, essendo usciti dalla riserva di un programma domenicale e di trada serata , e avendo occupato uno strano spazio di una seconda serata anticipata , eravamo fastidiosi. Ci siamo fatti molti nemici , evidentemente. Ora facciamo il gioco dei grandi e a quell'ora tanti non hanno gradito la concorrenza”
Tanti chi Matrix, Vespa?
“Dico solo che i programmi di satira piacciono ancora molto. Proprio perché non c'è molto da ridere , la gente vuole divertirsi. Vedrà che prima o poi qualche problema graffiante , il mio o un altro, farà un boom di ascolti”
Però è un momento cupo , c'è la recessione
“Ecco, appunto. Da cittadina mi preoccupa, ma da autrice comica mi sembra una fase fertile. La gente vuole ridere , ma anche capire, sapere di più. A questa voglia di informazione noi abbiamo risposto , dedicando ampi spazi di approfondimento nel nostro programma. Ci sono interviste su temi pesanti e importanti che il pubblico segue. Il vero problema è l'autocensura. Non c'è concorrenza , il mercato di tv e giornali è asfittico. E' tutto ovattato.”
Soluzioni?
“Capisco i ragazzi che protestano. Hanno una grande paura. La politica rischia di non rappresentare più nessuno. E loro vedono un futuro incerto e un Paese dove meritocrazia è solo uno slogan sulla bocca di chi la meritocrazia non sa nemmeno cosa sia”
Lei è sempre vicina al PD ?
“IN questo momento è difficile trovare punti di riferimento. Veltroni sembrava l'unica speranza “
E Grillo politico le piace?
“Non mi sembra che alla fine abbia veramente scelto la politica. Continua a fare i suoi spettacoli dove si ride. Però, il suo impegno nella controinformazione mi sembra più che apprezzabile. Del resto la satira dovrebbe servire proprio a questo . A far vedere le cose da un punto di vista insolito , per far riflettere le persone”
Perché non lo ha invitato in trasmissione?
“L'ho fatto . Ma lui ha declinato gentilmente. Non gli interessa più la tv. Considera la televisione un pezzo di antiquariato , preferisce il web”
A questo punto non le resta da invitare Sabina Guzzanti?
“Guarda la vedo diffcile . Abbiamo lavorato tantissimo insieme . Siamo cresciute professionalmente , però certo mi rendo conto che quando ci sente numero uno , diventa difficile lavorare in gruppo. Si vola alto. Forse, un po' troppo alto per noi. Già, troppo alto”

Nessun commento: