lunedì 24 agosto 2009

INTERVISTA AD HABIBA SARABI, UNICA GOVERNATRICE AFGHANA

Unica governatrice della provincia di Bamyan , Habiba Sarabi è l’unica a ricoprire una carica simile in Afghanistan. La comunità l’ha eletta simbolo del paese che vorrebbe vedere nascere: efficiente , aperto, intraprendente. lei vorrebbe fare dell’Afghanistan un posto migliore. Per le donne prima di tutto.

bamiyan

Governatrice molte elettrici sono andate alle urne, sfidando le minacce che vuol dire?

“Che vogliono la democrazia e sono pronte ad appoggiarla. Le donne sono la metà della popolazione afghana, senza di loro questo voto non avrebbe avuto senso. Non si possono chiedere diritti e progresso se non si va a votare. Qui a Bamyan l’affluenza femminile è stata alta. Lo stesso è accaduto a Kabul. Purtroppo ci sono zone, come il sud, dove questo non è stato possibile”

La violenza nelle ultime settimane è stata forte: è il segno della forza o della disperazione dei Talibani?

“Ci saranno sempre persone che non vorranno la stabilità e la parità di diritti in questo paese. Ma la gente non li appoggia , per questo va a votare. Gli afghani hanno capito che sta a noi opporci. Ma sta anche alla comunità internazionale aiutarci a farlo: quando i risultati arriveranno , mi aspetto che i paesi stranieri lavorino in modo serio con il nuovo presidente , chiunque sia. E si chiedano perché le cose finora non hanno funzionato : questo è un posto difficile che richiede un impegno di lungo periodo, non si può pensare di lasciare tutto a metà”

sarabi

Si aspetta presto altre donne nella sua posizione?

“Posso dire che sono felice di come hanno partecipato alla campagna elettorale. E a questa giornata di voto. Per il resto la strada è lunga : il prossimo presidente , chiunque sia, dovrà prima di tutto garantire la sicurezza. Senza di quella non ci sono diritti , non ci sono possibilità per le donne e per nessun altro”

Il presidente Karzai , probabile vincitore, si è alleato con diversi ex signori della guerra. Le fa paura questo?

“Sì, sono preoccupata. Perché so quello che hanno fatto e le sofferenze che hanno provocato. Ma chiunque ricopra una responsabilità di governo dovrà giurare sulla Costituzione afghana, che prevede parità di diritti fra uomini e donne. Questo è quello che conta per me ora”

Nessun commento: