martedì 11 agosto 2009

INTERVISTA A FRANCESCA INAUDI, ATTRICE IPERATTIVA

Francesca Inaudi è un attrice , ha lavorato con Marrtone, Pasetto, Sollima, farà la seconda serie di Tutti pazzi per amore. Mentre era alle prese con il film Questioni di cuore la regista l’ha sgridata “Era esasperata , mi ha detto che non era possibile che avessi quattro set che s’incrociavano. Le ho risposto : Francesca, io devo mangiare, se non lavoro non mangio.. Anche perché era mettendo insieme quei quattro ruoli diversi che potevo stare un po’ tranquilla. In Questione di cuore ho una bella parte , non sterminata , però”.

francescainaudi201

Visto il suo iperattivismo su tutti i fronti , vorremmo chiederle aggiornamenti. Ce l’ha ancora il pitone albino di nome Sapta?

“Certo! Anzi , s’è aggiunta una camaleontina bellissima. Ho tre acni , un serpente, un camaleonte e un marito”

Il marito lo mette per ultimo?

“No, lui per primo.”

La camaleontina, Daphne, di che colore è sembra turchese.

“Può essere tutti colori ovviamente. Una volta non la trovavamo , nella teca: era sul fondo, coperta di carta da giornale. Era diventata bianca e nera”

Come va la convivenza?

“Dopo 8 anni con Andrea( il marito Andrea Gattinoni, attore , ndb)?”

Pensavo a tutti gli animali

“Beh, con il pitone c’è stato un problemino..mi ha dato un bacetto”

francesca-inaudi-in-una-scena-di-distretto-di-polizia-8-87305

Aiuto, che genere di bacetto?

“Ho sbagliato io: ho pensato di svegliarlo , un po’ di fretta , per metterlo nel trasportino. L’ho tirato fuori, lui mezzo addormentato ha sentito il mio fiato caldo , ha aperto la bocca e l’ha richiusa : sulla mia faccia. Naso e bocca , e non mollava la presa. Per fortuna è intervenuto Andrea”

Non ha segni sul viso?

“Non più, ma all’inizio avevo un livido sul labbro e tutto un giro di buchi sul naso : buchini, sa, i dentini del pitone sono piccoli come quelli dei pesci”

E lo racconta così?

“In effetti da allora non riesco più a guardarlo mentre mangia. Ma non sono pentita di averlo preso”

Scusi, ma qual è il pregio di un pitone?

“E’ una specie di termometro delle emozioni altrui , è un amplificatore: se sei agitato si agita , s’irrigidisce , soffia. Pensi che in alcuni paesi lo usano per la terapia con i bambini autistici”

Tutti questi animali come convivono?

“”Dipende: Neon, che è da caccia , avverte la pericolosità di Sapta , si mette davanti alla teca e , se potesse, lo sbranerebbe. Gli altri lo ignorano. In generale, stanno separati, un locale per gruppo: il pitone nello studio, il camaleonte in camera da letto, i cani in salotto”

E l’animale bipede, Andrea?

“E’ d’accordo , naturalmente, anzi ci siamo contesi il possesso dell’uno e dell’altro. Il prossimo spetta a lui”

Il prossimo?

“Lo zoo spero di allargarlo con un bipede piccolo, un cucciolo d’uomo. Gli altri si adatteranno : e anche lui , o lei. I bambini se la devono cavare da soli, è giusto che facciano le loro esperienze”

Non è apprensiva, evidentemente

“No, sono cresciuta in totale libertà, con genitori molto giovani , pochi soldi e in campagna. Mia madre era fin troppo poco apprensiva , sono piena di cicatrici : 24 punti a 8 anni su una gamba , un tentativo di morire fulminata a 6 tagliando con le cesoie i fili dell’impianto elettrico..Mi sono fermata a 23 anni , a far pasticci di distrazione”

Inaudi_photocall_news4_5555

Parliamo di Andrea , il suo compagno: se lo chiama marito ci sono state novità

“Da fidanzato è diventato marito il 26 luglio di un anno fa . Di fatto non ci frega niente”

Beh , non è carino dirlo

“Nel senso che ci siamo sposati perché il nostro legame è così forte che gli altri non possono capire se non con chiavi semplificative , tipo appunto siamo sposati. E per la verità anche pensando che, se mai succedesse qualcosa all’uno o all’altra, solo il matrimonio in Italia ti dà dei diritti”

Qualcosa del tipo?

“”Finisci in ospedale , o in galera..Ti ammali e chi decide per me? Mio padre e mia madre? Paese strano, l’Italia”

Con queste promesse , sarà stato un matrimonio insolito

“Io. lui e i due testimoni: la legge li impone, peccato. Siamo andati a Formello , in comune: ero in rosso corto , il rosso porta fortuna e fertilità. Poi a cose fatte siamo andati a dirlo ai genitori , lì abbiamo un po’ ubriacati con lo champagne ed è andata”

Sa che non saranno stati contenti?

“Sì. ma hanno capito le nostre ragioni : perché ridurre una promessa d’amore alla corvée dei parenti, dei soldi spesi dei vestiti? Un delirio che avrebbe fatto dimenticare perché sei lì. Invece è stato bellissimo: io piangevo. lui tutto sudato , eravamo così emozionati. Usciti dalla crisi del settimo anno , siamo atterrati al volo sul nostro matrimonio”

Perché non in chiesa?

“Sono cresciuta cattolica e oggi non sono atea – esiste qualcosa che governa il mondo, un’energia, non può non esserci una parte di divino nel mondo - , ma mi sento più panteista che altro. Preferisco i miei rodimenti di coscienza a una religione che ti dice da un lato che i preservativi in Africa non si devono usare , e che è subito pronta ad assolverti , senza condizioni, dall’altro. Io non credo nelle assunzioni facili: se annulli le sofferenze non cresci. Sono complessa, non amo le semplificazioni , anche se semplificare è la tendenza: la realtà non è fatta di definizioni comprensibili a tutti. Questa società brucia tutti i passaggi , anche dolorosi e fondamentali , tende a portarti dritto alla morte senza averci mai pensato davvero sopra. Invece l’idea della morte ci vuole, per vivere”

Lei come la coltiva?

“Io vivo la mia complessità come un dono. E’ mai stata al cimitero cosiddetto degli Inglesi , vicino alla Piramide? E’ un posto meraviglioso, pieno di vera pace. C’è uno che sulla lapide ha fatto scrivere “Novità? Sublime”

1 commento:

Anonimo ha detto...

Concordo sul lato religioso, brava!