mercoledì 19 agosto 2009

INTERVISTA A MALALAI JOYA, LA DONNA PIù CORAGGIOSA DELL’AFGHANISTAN

La Bbc l’ha definita la donna più coraggiosa dell’Afghanistan. Per gli integralisti islamici è solo una dead woman walking , già scampata a 5 attentati. Malalai Joya , ex parlamentare e dissidente afghana, vive sotto scorta da sei ed è costretta a cambiare casa ogni notte. Espulsa dal Parlamento nel 2007 , continua a combattere fuori dai palazzi.

malalai_joya_speaking_in_finland1

Il 20 agosto ci sono le elezioni presidenziali : come andranno?

“Non ho molte speranze , perché il popolo afghano non avrà un vero ruolo. Segneranno solamente l’ascesa dell’ennesimo pupazzo appoggiato dalla Casa Bianca, e al mio paese non serve un altro burattino”

Lei chi appoggia?

“Io tifo per Ramazan Bushardost : democratico e indipendente . Perché le forze Nato se ne vadano”

Perché?

“Via i talebani, oggi il Paese è nelle mani dei Signori della guerra. “Stessi asini ma con la sella nuova”, per dirla con un vecchio proverbio. Oggi abbiamo due nemici: le forze di occupazione , che con le loro bombe fanno centinaia di vittime civili, e i talebani. Senza le forze Nato , avremmo un unico avversario contro cui combattere”

IN Italia se ne discute : magari dopo le elezioni..

“Se volete ritirarvi , dovreste farlo, ma io non ci credo. Non lo farete”

joya_ucla

Fra i 41 candidati ci sono anche due donne: vuol dire qualcosa?

“No, la condizione delle donne peggiora ogni giorno che passa. Si crede che l’oppressione femminile sia finita con la sconfitta dai talebani, ma non è così. La recente norma che praticamente legalizza lo stupro fra le mura domestiche è solo la punta di un gigantesco iceberg. L’intero sistema , soprattutto quello giudiziario, non funziona e gli uomini continuano a commettere crimini rimanendo impuniti”

A breve tornerà in Afghanistan , non ha paura?

“Non ho paura di morire. Meglio che tacere di fronte all’ingiustizia. Perché , come dico spesso, loro potranno anche strappare un fiore , ma non possono impedire l’arrivo della primavera”

Nessun commento: