mercoledì 26 agosto 2009

INTERVISTA A MARINA RIPA DI MEANA , “HO UNA PARTE SEGRETA CHE NON VOGLIO SVELARE”

Chi è Marina Ripa di Meana?

“Chi sono me lo devi dire tu. Sei tu che vedi la mia parte esteriore ma non conosci la mia parte segreta , quella che non ho intenzione di svelare: costituisce più o meno il 70% del mio carattere , e questo nonostante io appaia molto estroversa”

marina_ripa_di_meana_angeli

Che cosa proprio non sopporti?

“Detesto la noia e mi ribello di fronte al conformismo di tante persone. Sono contraria ai luoghi comuni e alle cose scontate.

Chi sono i tuoi amici più cari?

“Ho molto amici a cui sono molto affezionata , ma quelli più cari sono i miei quattro cani. Sono travolgenti nell’affetto e la loro compagnia mi rallegra ogni attimo della vita”

Quali caratteristiche deve avere una persona per affascinarti?

“Deve sorprendermi . Quando incontro una persona penso che sia in un determinato modo e se, invece, si manifesta alla maniera diversa , allora scatta il mio interesse per cercare di capire ciò che non si vede”

Che cos’è la passione?

“E’ l’ingrediente fondamentale della vita, con l’amore è il suo motore principale”

Di che cosa ha più paura?

“Di non provare più passione”

Che cosa rimpiangi dei tuoi primi quarant’anni?

“Rimpiango i tempi dei miei primi 40 anni perché allora l’Italia era diversa. Non è nel mio Dna rimpiangere qualche cosa, ma nel confronto con la vita di oggi non si può constatare quanto fosse migliore. Il mio carattere mi fa proiettare verso il futuro, non provo nostalgia , ma si deve riconoscere , che era meglio allora , quando c’era più speranza verso il tempo che sarebbe venuto”

Gli anni che passano hanno cambiato il tuo modo di vivere la vita?

“Naturalmente, si cambia di continuo. Non credo di essere oggi quella che ero dieci o vent’anni fa. Sono felice di assaporare nuovi sapori , di fare nuovi incontri. L’evoluzione , negli anni, mi ha molto cambiata”

marina_ripa_01

Che cosa provi nel rivederti come concorrente al reality “La fattoria”?

“Mi rallegro per essere stata brava a squagliarmela dopo una settimana. Sono contenta delle emozioni che ho provato, dall’ebbrezza allo schifo. E’ stata comunque una scommessa. Si parla tanto , e tanto si discute sui reality, ma nessuno sa esattamente quello che realmente sono. Io lo posso dire di averlo fatto”

Che cos’è la volgarità?

“Abbiamo parlato della fattoria e lì c’era un protagonista , Fabrizio Corona, che nella sua volgarità è un unicum, ma nello stesso luogo c’erano molte altre persone talmente trasparenti che non rammento nemmeno il nome. Ecco, penso che la volgarità sia un sapore forte e, in certi casi , preferibile al nulla”

E il pudore?

“Quello che mi interessa è il pudore dei sentimenti, non mi piacciono le emozioni sbrodolate”

La classe è innata?

“Non c’è una regola , a mio avviso è qualcosa che ha a che fare con la dignità”

Indosseresti le creazioni di intimo di Valeria Marini o un accessorio di Marta Marzotto?

“Le creazioni di Valeri Marini non le indosserei perché non corrispondono ai miei gusti. Non conosco le creazioni di Marta Marzotto , ma se dovessi basarmi su quello che indossa direi che andrei a cercare altro”

Mortadella o caviale?

Mi piacciono sia la mortadella sia il caviale. E’ una scelta ardua , ma propendo per il caviale non fosse altro perché occorre contenere il consumo degli insaccati. Sì, meglio le tartine col caviale , anche se un panino farcito con la mortadella è una grande tentazione”

Che cosa guardi in televisione?

“In prima serata guardo tutti i telegiornali. Mi vedo i programmi notturni. Mi piacciono “La storia siamo noi” e “Bellissima “ sui Rai tre . Ma seguo anche Marzullo e i film trasmessi di notte”

La tua massima aspirazione?

“Forse quella di essere rassicurata sulla data perenne dell’affetto di chi amo”

Il rapporto con la spiritualità?

“Molto difficile. So che esiste, che c’è, ma vorrei credere di più. Mi rammarico di non provare questo grande conforto”

85101-marina

Come hai vissuto il tuo ruolo di mamma?

“Con grande difficoltà. Ho avuto una figlia da crescere da sola , perché io e mio marito ci siamo lasciati quando lei era molto piccola. E’ stata dura..”

Quando e perché nascono le tue battaglie animaliste?

“Ho sempre amato la natura e gli animali, ho voluto approfondire la loro conoscenza. In passato ho anche portato pellicce , poi il desiderio di capire il mondo animale mi ha portato alla scoperta di come vengano uccisi barbaramente i cuccioli delle foche. Un’esperienza terribile”

Progetti?

“C’è né uno in particolare , molto importante, di cui però per scaramanzia non voglio parlare. Del resto i progetti non si annunciano, si attuano”

Nessun commento: