martedì 6 ottobre 2009

INTERVISTA A BRIGITTE BARDOT , “La mia età fa parte di me, della mia vita , del mio cervello. E la stessa cosa succede per B.B . Anche lei fa parte della mia vita . Siamo come una vecchia coppia che si sopporta”

Sono settantacinque gli anni della bellissima Brigitte Bardot. Lei se n frega della su età , continua a fare ciò che le piace e a dare fastidio.

039_25511~Brigitte-Bardot-Posters

Vive nel suo rifugio di Saint-Tropez .

Lei è sola signora . Si dice che solo chi ha conosciuto bene i suoi simili non teme la solitudine assoluta. E’ davvero così?

“Non lo so. Mi preservo dall’umanità che mi circonda , da questa umanità rumorosa e invadente. Vivo circondata da animali , alberi , fiori. Ho cavalli, asini , montoni, capre, maiali, galline, anatre, piccioni. Poi naturalmente , cani e gatti. Non so neppure quanti sono”

Una decisione che condanna l’uomo. Qualche anno fa , dopo aver seguito una sua intervista televisiva, la scrittrice Natalia Ginzburg disse che lei dava l’impressione di appartenere non al genere umano , ma al mondo vegetale o animale.

“E’ vero , mi sento molto più vicina alla natura e agli uomini e agli animali piuttosto che all’uomo. Le confesso che detesto la gran parte della specie umana. Ho sposato la causa degli animali per dare finalmente un senso alla mia esistenza quaggiù . Sto tentando di spiegare all’uomo che le crudeltà inferte agli animali sono indegne, inaccettabili, disumane appunto”

brigitte_bardot

Quando è stato il momento della sua vita in cui ha capito di esser diventata B.B?

“Mi creda , non l’ho mai veramente capito. E’ inutile che mi sforzi , non trovo una risposta. Forse sarà stato a causa delle mie iniziali. Immagino che ci siano per qualcosa”

Nel film “E Dio creò la donna “ di Roger Vadim , suo primo marito , lei fa dire a Juliette “Sgranocchio i mie amanti a dozzine”. Che cosa le è rimasto di tutti i suoi uomini, di tutti i suoi amori?

“Non ricordo di aver detto una frase del genere e credo che non lo dica neppure Juliette nel film. Forse lei si sbaglia. Dei miei amori rimane la memoria, rimangono i bei ricordi”

C’è qualcuno che ha amato più degli altri?

“Sì. Mio nonno . Io lo chiamavo “Le Boum”. Il più grande , qualcosa di enorme , di ineguagliabile”

Lei ha lasciato il cinema a quarant’anni , stanca di essere seduta sul mito Bardot, per emulare Greta Garbo o perché delusa da quel mondo?

“Era il 1973 , avevo 38 anni. Non è stato il cinema a scavare una piaga profonda nel mio cuore , ma la vita. Mi lasci fermare qui. Ho deciso subito di dedicarmi esclusivamente alla protezione degli animali. E’ diventata la mia missione”

brigitte-bardot-20071205-346761

Va ancora al cinema?

“No. Credo che l’ultima volta che sono entrata in una sala cinematografica sia stato più di 30 anni fa”

C’è qualche regista che stima?

“Quelli che hanno talento. Ma sulla scena ne vedo pochissimi. Non ho nomi da fare. Sono completamente disinteressata alla questione”

Le anticipo su una latro suo disinteresse: lei ha detto che non esiste una sua erede, che non si è mai posta questo problema. Non le faccio quindi una domanda inutile, ma mi può dire quali sono le attrici che un po’ apprezza?

“Isabelle Adjani, Emmanuelle Béart, Arielle Dombasle e Monica Bellucci”

Sul piano politico lei si colloca a destra. Che giudizio dà del presidente francese Sarkozy al quale ha chiesto di recente di togliere gli animali da circhi e di istituire una giornata nazionale intitolata ai vegetariani?

“Guardi, non ho nessuna opinione su Sarkozy. La politica mi disgusta profondamente”

Ama ancora l’Italia?

“La adoro. E trovo il vostro Berlusconi rigolo, un personaggio divertente”

brigitte-bardot

Ci si accorge di invecchiare lentamente o c’è un giorno preciso in cui ci si rende conto di aver smarrito la gioventù?

“Credo entrambe le cose. Io sono invecchiata con lentezza eppure ogni giorno mi rendo conto di esserlo un po’ più del giorno prima. E’ una dura legge della vita , un limite che bisogna sapere accettare”

Come si sta dopo 75 anni da ribelle? Brigitte Bardot invecchia serena o invecchiata?

“La mia età fa parte di me, della mia vita , del mio cervello. E la stessa cosa succede per B.B . Anche lei fa parte della mia vita . Siamo come una vecchia coppia che si sopporta”

Ha molti rimpianti?

“MI lasci pensare… No, non ho rimpianti. Non servirebbero più a nulla. E se ho un rimorso è proprio quello di non avere rimpianti"

Il filosofo Derrida scrisse verso la fine della sua vita che imparare a vivere significa in realtà imparare a morire , a considerare la finitezza assoluta della vita , senza redenzione, resurrezione e salvezza. Lei pensa mai alla morte , alla sua morte?

“Sì, ci penso. Credo che la sola certezza della nostra vita sia la morte. Ne sono consapevole , ma cerco di non averne soltanto una coscienza negativa. Altrimenti non avrei mai fatto nulla e non farei più nulla della mia vita. Starei qui , immobile, aspettando tranquillamente la morte. Mi vedo e mi sento ridicola. E io non voglio essere ridicola, soprattutto al cospetto dei miei occhi”

C’è qualcosa in particolare per cui vorrebbe essere ricordata?

“Guardi, vorrei lasciare una traccia importante nella battaglia per i diritti degli animali. Mi piacerebbe, per esempio, che voi italiani non mangiaste più carne di cavallo. E’ un disonore offendere in questo modo la più nobile conquista dell’uomo più vicino a noi, l’animale che ci ha permesso di sopravvivere e di spostarci fino all’arrivo dell’automobile, colui che ha condiviso con gli uomini le guerre e le emergenze, che ha arato i campi, trainato le diligenze e le carrozze, trasportato feriti e moribondi, che è morto a milioni sui campi insanguinati della prima e della seconda guerra mondiale …Farlo finire nei nostri piatti è un sacrilegio. Ecco il motivo per il quale vorrei non essere dimenticata. Non ho altri desideri”

Eppure B.B sarà ricordata forse di qui alla fine del mondo. Non le fa piacere pensarlo?

“Me ne fotto che il mondo si ricordi della divina B.B , che divina non è stata per niente”

Nessun commento: