lunedì 12 aprile 2010

INTERVISTA A LAURA PUPPATO , SINDACO PD DI MONTEBELLUNA NEL VENETO “Furbescamente il Carroccio affibbia la Colpa dell’impoverimento del Veneto a “Roma ladrona” ma a Roma governa il centrodestra”

Il segretario nazionale della Lega ha detto che la Puppato doveva fare il candidato presidente del Centrosinistra nel Veneto. Laura Puppato, neo sindaco di Montebelluna, ha detto che non è il segretario di un altro partito a decidere.

Lei, Puppato, è sindaco di Montebelluna da 8 anni . Ed ha avuto un record di preferenze alle regionali…

“Sì, ventimila, un centinaio in meno del Pdl Giorgetti”

montebelluna-sindaco-300x286

Perché il Pd al nord ha pochissimo appeal?

“L’appeal dipende dalla credibilità delle persone, dal lavoro onesto , proficuo , determinato che si fa. Quando amministri devi affrontare questioni concrete e non puoi bluffare. Bisogna ripensare la nostra politica. Nel partito sono prevalsi equilibri difficilmente comprensibili , veti incrociati che hanno impedito di fare le primarie e diminuito di molto la nostra attrazione per gli stessi elettori democratici. Nel Veneto questo è stato l’errore degli errori. E’ mancato l’orecchio a terra”

Perciò Bortolussi , il vostro candidato anti-Zaia, ha perso con tanto distacco?

“Zaia non ha voluto neppure un confronto e lo ha fatto in un modo supponente. Noi Democratici saremmo dovuti partire per tempo e raggiungere , informare l’elettore. Dobbiamo ambire a capire dove sono stati i nostri errori : continuare a negarli non va bene. La nostra non è un’incapacità a fare coalizione , a ripartire con il traino giusto , a dire cose chiare a cominciare da come avremmo governato noi il Veneto, spiegando che siamo profondamente diversi da chi ha vinto queste tornata elettorale”

Ma in Veneto , forse, era una partita persa

“Non ci sono partite perse in partenza , il Caso Puglia insegna”

La Lega ha avuto un exploit di voti

“In una campagna elettorale priva di contenuti, il malessere del Veneto è approdato nei consensi della Lega come ultima spiaggia. Ma Zaia sappia che anche per loro non ci sono più alibi. Il Veneto dagli anni ‘70 e oggi si è impoverito come non mai. Ha avuto il maggiore contraccolpo della crisi economica. Le aziende vanno via da qui , non ci sono né servizi , né infrastrutture , né reti telematiche . Furbescamente il Carroccio affibbia la Colpa a “Roma ladrona” ma a Roma governa il centrodestra”

FestaSchio_LauraPuppato

E Il Pd da dove comincia la missione – riconquista del Nord?

“Ho proposto di creare un Pd del Nord , un nucleo operativo del partito che abbia come proprio obiettivo la rinascita del Nord. Il Pd deve essere più vicino anche dal punto di vista geografico. L’altro errore nel partito è stato il timore del ricambio. Spero non accada più, perché sbagliare è umano, preservare il diabolico”

Anche per lei il Pd non ha bisogno di fighetti e rischia di trasformarsi in semplice comitato elettorale?

“Il Pd non ha bisogno di liturgie. Per il resto , abbiamo un leader che è Bersani, non ne vedo altri all’orizzonte. Diamogli il tempo per ricostruire il tessuto di un partito capace di guidare il paese”

1 commento:

Anonimo ha detto...

Salve,
in occasione della partecipazione della senatrice Laura Puppato alla tavola rotonda, Come riorganizzare le amministrazioni pubbliche per un futuro sostenibile, nel corso del Festival delle ecotecnologie e dell’ autocostruzione, ho inviato una nota critica sulla sua esperienza pluriennale di amministratrice di Montebelluna.
Il modello Puppato di gestione di Montebelluna in pratica è andato nella direzione di una città merce e non una città bene comune. Per i lavori pubblici è stato impiegato un agente immobiliare, è stato consumato territorio cementificando e diminuendo il verde, è stata abbruttita la città. Operò in contrasto con il WWF, Italia Nostra e l’associazione culturale ApertaMente, l’ urbanistica non ha costruito una forma urbis et agri di città bene comune, i bilanci sono stati gestiti in maniera poco accurata in maniera da condizionare negativamente il futuro della città .Sono stati applicati metodi di gestione poco democratici ottenendo critiche che andarono dall’ estrema destra, Forza Nuova, alla Lega Nord alla sinistra, Montebelluna Nuova.
La senatrice Puppato conosce bene il mio punto di vista sulla sua passata attività di amministratrice e su quella politica in genere. Scambia però le mie critiche per calunnie e me stesso per uno stalker, mentre sono un critico di un esempio eclatante di ipocrisia politica.
Grazie per l’attenzione.
Un caro saluto e buon lavoro,
Francesco