giovedì 5 agosto 2010

INTERVISTA A ROSI COEREZZA "in questo periodo dell’anno l’organismo va disintossicato e riequilibrato."


Rosi Coerezza è un medico omeopata specialista in terapie naturali e dà consigli su come contrastare il caldo in città.

Il caldo soffocante di questi giorni ha più di un effetto indesiderato sul nostro benessere. Quali sono i disturbi più ricorrenti?

“Intanto le difficoltà a dormire bene: uno dei problemi più diretti e spesso fastidiosi. Ma prima di provare a risolverlo con i farmaci e accendere l’aria condizionata al massimo , si può fare un tentativo mettendo in azione tutti i dispositivi che abbiamo per migliorare la situazione. Perché dormire bene è indispensabile per il nostro benessere”

Qualche consiglio?

“Intanto lasciamo perdere l’aria condizionata, e concentriamoci sulla camera da letto : nessuna luce accesa , al massimo una candela profumata alla lavanda o al limone o una lampadina di colore blu. Le lenzuola devono essere di cotone e preferibilmente bianche. IL bianco rilassa la mente e dà frescura. Così deve essere anche il nostro abbigliamento, il più leggero e naturale possibile. Ottimo , prima di stendersi, fare una doccia rinfrescante senza bagno schiuma, tamponando solo il corpo, e stendendo poi una lozione sulle gambe senza massaggiare. Dai piedi fino all’incavo del ginocchio , lozione che contenga Rusco, Prugnolo e Rame e Menta oltre a Hamamelis e Aesculus”

E se l’insonnia persiste?

“Ci sono farmaci per dormire che spesso risolvono , ma che a lungo andare danno assuefazione e il peggio è che , dopo molto tempo, non funzionano più da soli e quindi vanno potenziati. Ma soprattutto non assicurano un riposo di qualità. Magari è il momento buono per sostituirli gradualmente con farmaci naturali. Come un cocktail di valeriana (che è un sedativo del sistema nervoso) , Biancospino , Passiflora in poca acqua, da sorseggiare prima di stendersi. Oppure la Escholtzia Californica : è il papavero della California , appartiene alla stessa famiglia del papavero sonnifero di cui condivide proprietà sedative e ipnotiche, ma non tossiche”

In questo periodo poi spesso ci si sente scarichi , non si vede l’ora di andare in vacanza

“Al risveglio si può sorseggiare un Bel bicchiere d’acqua naturale con diluite 5-7 gocce di Assenzio ( ma non di più mi raccomando) per sentirci più tonici”

Esiste una dieta rinfrescante?

“Certo, l’alimentazione ha sempre grande importanza per il nostro benessere. Con questi caldi , sono da preferire cibi freschi : fibre, frutta e verdura meglio colorata (anguria, melone , more , lamponi) , sempre nel rispetto della stagione. E poi anche con il cibo si deve puntare al risparmio energetico”

Che significa?

“Meno mangio e meno consumo e meno affatico l’organismo. Una dieta detox e meno inquinante per il nostro organismo ci aiuta a avere meno problemi digestivi e a non appesantire l’intestino. Mai come in questo momento la prima colazione assume un’importanza strategica: latte vegetale con fiocchi di cereali , frutta quanta ne vogliamo”

E il gelato è un buon sistema per nutrirsi rinfrescandosi?

“No, il gelato non è un sostituto del pranzo di mezzogiorno , meglio una macedonia con un bel sorbetto che è un gelato con acqua senza latte vaccino. Come si ripete sempre , poi, bisogna bere molto, almeno un litro di liquidi al dì, non vicino ai pasti. Si può allungare l’acqua con succhi di frutta . Meglio bevande tiepide nel pomeriggio da sorseggiare in un bicchiere e non dalla lattina!”

Ci sono dei cibi che vanno meglio di altri?

“Ci si può ispirare ai Paesi in cui il caldo è una costante e adottare la dieta multietnica:ottimo il CousCous , il tè alla menta marocchino o anche il carcadè”

D’estate spesso si soffre con più frequenza di disturbi gastro-intestinali

“Mai come in questo periodo dell’anno l’organismo va disintossicato e riequilibrato. Mal di testa , stanchezza , mancanza di energia , diminuzione del desiderio sessuale, ansietà ingiustificata , ritenzione idrica , cellulite, caduta dei capelli , asma. Sono tutti sintomi riconducibili a qualche intolleranza alimentare”

E come si capisce a cosa si è intolleranti?

“Spesso le intolleranze alimentari sono solo overdose: troppo grano , latte , pomodori, zucchero bianco . Il cibo spazzatura è sempre fra noi magari camuffato : i biscotti, i gelati confezionati, gonfiati e ricchi di zuccheri e addensanti. Basterà astenersi dai cibi più usati per un mese a rotazione , per non soffrire troppo . In questo modo ci si disintossica e inoltre si capisce chi era il colpevole! Il reinserimento verrà fatto a rotazione : si reinserirà il cibo colpevole una volta la settimana : semplice no?”

Cosa si può fare per rafforzarsi prima della partenza?

“Ricordarsi che l’intestino va sempre nutrito e che la maggior parte (circa 60%) del nostro sistema immunitario risiede lì. Un buon probiotico (fermenti lattici specializzati) assunto per almeno 2/3 settimana ci aiuta a stare meglio. Sceglitelo il più naturale possibile , magari liofilizzato , senza coloranti e addensanti”

Nessun commento: