martedì 7 dicembre 2010

INTERVISTA A KRISTIN SCOTT THOMAS “Col mio lavoro di attrice do via sempre una gran parte di me”

In Nowere Boy sarà la zia Mimi di John Lennon è Kristin Scott Thomas.

92490050

Partiamo da Nowere Boy : questa zia Mimi non è proprio simpaticissima , modi severi, l’espressione sempre tesa, lo chignon. Era veramente così la zia di John Lennon?

“Mimi è stata spesso demonizzata nelle biografie di Lennon, ma lui , in realtà, l’adorava. Era una donna che aveva sofferto, che aveva subito forti delusioni . John era la ragione della sua vita”

Che cosa ricorda di John Lennon?

“Prima di iniziare a lavorare al film ho visto il documentario The Us vs John Lennon. Sono stata letteralmente conquistata da quel giovane gentile e appassionato , così intelligente, brillante e sincero, ma quando lui era famoso io ero ancora troppo piccola”

Perché prova simpatia per zia Mimi?

“Perché lei lo ama al di là di tutto ma non può mai esprimere questo suo attaccamento ; si deve trattenere , perché John è in realtà il figlio di sua sorella”

Un amore senza limiti. Le capita mai di avere la sensazione di dare molto e ricevere ben poco in cambio?

“Bè, col mio lavoro di attrice do via sempre una gran parte di me”

Ma nella sua vita personale?

“Le due cose sono simbiotiche. La mia professione è legata strettamente alla mia vita personale perché tutto ciò che porto sulla scena si ripercuote nella mia quotidianità: quando finisco un film sono priva di energie. E, infatti, in questo momento sono decisamente pronta per una lunga vacanza”

In effetti negli ultimi anni ha fatto un film dopo l’altro, ha tirato su tre figli , è ritornata single. E adesso?

“E adesso mi fermo e faccio finta di non essere un’attrice conosciuta. Non sarà poi una parte difficile . Voglio essere solo me stessa. Devo ricaricarmi, evere una vita autentica”

Cosa intende fare durante questa vacanza?

“Vivere. Vivere una vita normale , con amici, famiglia , viaggiare, cucinare e dedicarmi al giardinaggio”

E da dove comincerebbe?

“Potrei cominciare col dipingere le pareti del mio bagno, ad esempio, che ne ha un gran bisogno”

partir

Ha appena compiuto 50 anni. Come l’ha presa?

“Quando sei bambino pensi che a ogni compleanno tutto cambierà. Ma cosa cambia in realtà? Forse, però, c’è una cosa nuova: sono più tollerante nei confronti della gente. E poi sembra che sia tutto un po’ più facile”

Presto la vedremo in una nuova versione del Bel Ami di Maupassant : protagonista l’idolo delle teenager Robert Pattinson. Che cosa ci dice di lui?

“Per darle un’idea, le rivelo subito che nel film sono una delle donne che lui distrugge..”

Eravate inseguiti da orde di giovani ammiratrici sul set in Ungheria?

“Non è stato poi così male. A Budapest c’è stata un po’ di confusione , ma in fondo erano tutte ragazze carine. Spero che questo film dia a Robert finalmente l’opportunità di scrollarsi di dosso il vampiro di Twilight : Bel Ami è un ruolo adulto , con situazioni adulte e , certo, per un pubblico diverso”

thomasjohnson

Anche Contre Toi è la storia di un incontro che cambia radicalmente la vita. Le è mai capitato qualcosa di simile?

“Mi è successo con il teatro. Avevo 40 anni e un bambino piccolo, quando ho affrontato il palcoscenico per la prima volta , ad Avignone. Quell’esperienza è stata un giro di boa. Affrontare il palcoscenico , essere lì, sola col pubblico, mi ha dato una forza infinita, ha motivato la mia esistenza. Adesso finalmente sono felice di essere un’attrice”

Nessun commento: