lunedì 31 ottobre 2011

INTERVISTA A MICAELA RAMAZZOTTI “Paolo (Paolo Virzì ndb) è una persona meravigliosa , io sono fortunata. La nostra è una famiglia bella , con un bimbo che ci riempie la vita”

L’attrice Micaela Ramazzotti è la protagonista di Il cuore grande delle ragazze degli Avati. Un romanzo familiare come avviene con i fratelli del cinema italiano.
micaela-ramazzotti-protagonista-de-il-cuore-grande-delle-ragazze-217595_medium
“Perdonare? sì sento di poterlo fare. La sento dentro questa capacità. Mi riconosco in Francesca, il personaggio che interpreto , nella sua forza, nella sua determinazione. Certe cose però bisogna viverle per poterle affrontare , quindi non lo so davvero fino in fondo : io credo solo che l’amore , se è tale, superi qualsiasi cosa. E le donne hanno davvero un cuore grande che le aiuta”
Belle parole, ma poi c’è il dolore a togliere il fiato , quando si è traditi da chi si ama
“Il mio personaggio è così ostinato , disposto a tutto pur di stare col suo Carlino che, sebbene lui sia un infingardo e un ignorante, combatte e una scappatella diventa un attimo nella storia di una vita. Il punto è durare , la vera scommessa nella vita insieme. Ma anche fare ciò che una donna sente”
Il suo modello familiare femminile è stato paziente e tollerante come quello raccontato dagli Avati?
“Mia nonna, mia madre, le mie zie… Sono tutte donne che hanno avuto sempre lo stesso marito , creature materne dedite a dare. Non saprei dirle se hanno dovuto subire , ho preferito non saperlo”
Lei che moglie è?
“A casa nostra si ride molto , ci si prende parecchio in giro. Paolo (Paolo Virzì ndb) è una persona meravigliosa , io sono fortunata. La nostra è una famiglia bella , con un bimbo che ci riempie la vita. Non saprei davvero descrivermi come compagna, bisognerebbe chiederlo a lui. So che sono felice dell’esistenza che abbiamo, posso dirlo senza esitazione e questa è la risposta alla sua domanda”
Scommetto che se le chiedo che madre è , riuscirà a dirmelo tutto d’un fiato
“E’ più facile . Sono come una leonessa. Vigile, caparbia, provo un sentimento selvaggio nei confronti di Jacopo. La maternità mi ha trasformata , non vivo per me stessa , vengo dopo e questo mi piace tantissimo. Attraverso di lui sono paradossalmente tornata ad essere figlia , perché quando sono un set me lo porto dietro , come per questo film in cui i miei genitori si occupavano di lui mentre lavoravo e la sera stavamo insieme tutti quanti. Dico sempre che infatti si è trattato di una coproduzione familiare , oltre che di cinema”
Già , lei è mamma attrice . Ruolo poco convenzionale , di fatto
“Ho sempre vissuto la mia professione come un’impiegata. Faccio quello che devo e poi torno a casa.
Come descriverebbe casa sua?
“Una casa molto Virzì. In un quartiere accogliente , poco conosciuto, che sembra nascosto in una Roma di altri tempi. Una casa piena : ci sono ciotole per cani , oggetti ovunque e parecchio profumo di cucina. Adoro cucinare , mi faccio consegnare prodotti biologici a domicilio e appena arrivano comincio a rovistare nella cassettina per scegliere cosa preparare. Poi mi metto ai fornelli a creare. E mangio con chi amo. Mangio tantissimo per essere onesta
micaela-ramazzotti-a-venezia-2006-per-presentare-non-prendere-impegni-stasera-30206
Una casalinga disperata ha un altro aspetto
“Ormai ritaglio anche i punti sulla scatola del latte , mi sento persino patetica , ma mi diverte un mondo. Ho il potere di essere poco multitasking come richiesto alle donne oggi , ma mi sto attrezzando. Faccio una cosa per volta , altrimenti non riesco a concentrarmi, questa è l’unica regola. Ma ottimizzo”
Suo marito è al secondo giro , ha già una figlia. Come matrigna come se la cava?
“Ottavia ha 22 anni, la considero una supersorella e l’adoro. Studia storia dell’arte e mi dà lezioni straordinarie. E’ coltissima , mi descrive i monumenti e la loro storia come una tale passione che potrei ascoltarla per ore. Io in cambio cucino per lei e le regalo la mia autenticità. Non è male come soluzione. Anche perché viene assolutamente naturale”
Vivere accanto a un regista tanto eclettico cosa riserva nel quotidiano?
“Può capitare di svegliarsi al mattino con la puzza di vernice , andare sul terrazzo e trovarlo dipinto in stile Mondrian. Nulla di peccaminoso, direi”

Nessun commento: