sabato 1 dicembre 2012

INTERVISTA A MALIKA AYANE “La cosa che ho conosciuto in questi 28 anni è l’amore , in tutti gli aspetti – tra uomo e donna , tra amici , ma anche materno”

La cantante Malika Ayane si è fatta bionda “Ho dovuto usare le formule magiche delle streghe per schiarirli , ma se fossi tinta di blu non se ne sarebbe accorto nessuno”. Un nuovo disco in circolazione “Ricreazione”.

“Il mio mezzo è la musica e la cosa che ho conosciuto in questi 28 anni è l’amore , in tutti gli aspetti – tra uomo e donna , tra amici , ma anche materno – e in tutte le fasi : da quella in cui credi che durerà per sempre a quella in cui ti dici “fermiamoci un attimo”, fino a quella del trasloco in cui si smonta tutto. Anche il sogno”

Malika-Ayane-656x560

Però lei continua a credere nell’amore romantico : si è sposata a Las Vegas , l’anno scorso con uomo che ha 17 anni più di lei

“Be’, si. Tanto che abbiamo deciso di sposarci prima di fidanzarci. Siamo andati a fare un viaggio in America ; una volta arrivati a Las Vegas non abbiamo potuto fare a meno di sposarci, come in un film. Solo che al cinema questi matrimoni sono di grande suggestione , mentre lì c’erano 40 gradi e l’atmosfera era decadente. Comunque, sposarsi è un modo di definire meglio qualcosa , di mettere tutti più in pace”

E lei è in pace ora?

“Eh , vediamo. Al momento sono felice”

Lei è anche produttrice del disco. Com’è stato gestire un gruppo di uomini dipendenti e farsi rispettare , così giovane?

“Tutte le donne che si trovano al timone di una squadra hanno questo tipo di difficoltà. I miei collaboratori sanno che se una cosa non le piace, la si rifà. Punto. Il luogo comune vuole che una donna che comanda sia isterica , ma sono convinta che questo atteggiamento non serva a farsi rispettare”

Come avete lavorato?

“Ho registrato il disco creando l’atmosfera di una festa. Tenere gli artisti in albergo per due mesi lì deprime. Allora , per esaltare la creatività e rendere tutto più umano , ho affittato una casa e chiesto a delle amiche di cucinare. Anche per questo l’album si chiama Ricreazione

Uno dei pezzi s’intitola Il tempo non inganna. A lei che effetto fanno gli anno che passano?

Mi sto avvicinando ai trenta , mia figlia Mia ne ha compiuti sette , mi sono sposata, ho fatto il mio lavoro da donna molto responsabile. Il mio punto di vista sto cambiando. Comincio a pensare al tempo che passa. Ho sempre trattato mia figlia da persona piccola e non da bambolina , ma vederla che cresce , parla, scrive , legge i cartelli, guarda gli sms mi fa impressione”

Ora che ha una nuova vita e un nuovo amore , vorrebbe avere altri figli?

“Sì, assolutamente. E’ il mio prossimo progetto . Anche adottati. Non voglio che Mia cresca figlia unica . E poi i bambini ti danno il senso della realtà”

malika-ayane-federico-burgia-638x425

E’ stato difficile diventare mamma a 21 anni?

“No, anzi, mi ha permesso di vivere le cose con più leggerezza, con maggiore istinto e consapevolezza. In quanto artista , se fossi sola al mondo mi potrei accontentare dei risultati. Invece, in quanto madre, se faccio un disco devo metterci tutto quello che posso , altrimenti come giustifico il fatto che torno tardi per settimane e sono sempre al telefono?”

Come concilia la maternità con i dischi e i tour?

“Sacrifico il mio risposo. Se ho un concerto nel raggio di 200 Km, una volta scesa dal palco torno a casa”

“Sono stufa di essere forte”, dice in un altro brano. Com’è una donna forte , secondo lei?

“Una che riesce a mantenere la serenità nonostante le mille scocciature della vita , quelle che una donna vive tutti i giorni”

La spaventa l’idea che un giorno il successo possa finire?

“La paura serve a farti prendere tutto con molta più leggerezza , a non esagerare con il divismo. La crisi sta ridimensionando molto anche il nostro modo di vivere  e le nostre aspettative. Dopo tutto, sono convinta che ci renda migliori , meno avidi. Anche di successo. E poi, come dice, mia nonna: Inshallah”

Nessun commento: